Secondo esercizio con le espressioni con frazioni

In un articolo precedenta abbiamo visto come risolvere una semplice espressione. In questo articolo vedremo un secondo esercizio con le espressioni con frazioni. Useremo gli stessi numeri dell’esercizio precedente però in più ci saranno delle parentesi. Questo ci aiuterà a capire l’importanza che le parentesi hanno in una espressione.

Per risolvere in modo corretto un’espressione è fondamentale rispettare le precedenze. Ricordiamo quindi quali sono:

  1. Ridurre ai minimi termini (quando possibile);
  2. Eseguire le operazioni dentro le parentesi (tonde, quadre e graffe);
  3. Calcolare le moltiplicazioni e le divisioni;
  4. Eseguire le addizioni e le sottrazioni procedendo da sinistra verso destra.

esercizio 2

Vediamo quale espressione dobbiamo risolvere:

Nell’espressione abbiamo un’addizione e una moltiplicazione. L’addizione però si trova all’interno di parentesi tonde. Non è possibile ridurre nessuna frazione ai minimi termini. Quindi, rispettando le precedenze, si devono eseguire le operazioni che si trovano all’interno delle parentesi. Per evitare di sbagliare tracciamo un archetto sotto l’operazione che si deve eseguire per prima.

Bene, si tratta di un’addizione tra frazioni con denominatore diverso che sappiamo risolvere. Dobbiamo calcolare il minimo comune multiplo tra i denominatori.

Quello che dobbiamo fare adesso è eseguire l’addizione che compare al numeratore (6 + 2).

Ricordati: ogni passaggio termina con un uguale; si va a capo e si comincia con un altro segno di uguale.

Molto bene, adesso dobbiamo eseguire la moltiplicazione tra frazioni, che sappiamo eseguire (numeratore per numeratore e denominatore per denominatore):

Non è possibile ridurre ai minimi termini. Quindi abbiamo concluso. Otto ventisettesimi è il risultato che stavamo cercando.


link utili

Uno strumento molto utile che puoi usare anche durante le verifiche sono le tavole numeriche. Di solito si trovano all’interno del primo volume del libro di matematica. Può capitare però di perderle (in realtà sono la prima cosa che gli studenti perdono). Se poi hai comprato il libro di seconda mano è quasi impossibile che tu le abbia trovate. Non preoccuparti. Facendo click su questo link della Casa Editrice Zanichelli puoi consultare le tavole. Se preferisci puoi anche scaricare sul tuo pc come file pdf per poterle consultare off-line. Se non ti ricordi come si scarica un file puoi seguire le istruzioni che trovi alla fine di questo mio articolo.


Precedente Esercizio con le espressioni con frazioni Successivo Altri esempi di scomposizione in fattori primi